View cart 0

Ravviva per aver successo-– 3 passi per ottenere tempi di ciclo aggressivi

Read this in your language
  • 简体中文
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • 日本語
  • 한국어
  • Polski
  • Português
  • Русский
  • Español

Receive ANCA news direct to your inbox

Rimani aggiornato sugli ultimi suggerimenti e sulla tecnologia

Subscribe

Privacy Policy

 

La steccatura nella ravvivatura della mola

 

La ravvivatura della mola è uno delle procedure più sottoutilizzate quando si rettifica. Il metodo di rettifica più semplice e più basilare è tramite l’uso di una steccatura – al carburo di silicio o più comunemente all’ossido di alluminio. Dato che i materiali per strumenti da taglio diventano di tipo sempre più avanzato, è necessario ottimizzare il rendimento della mola mantenendo scoperta ed esposta la grana della mola.
 

Contrariamente alla credenza che la ravvivatura accorci la durata della mola, in realtà la ravvivatura migliora la superficie della mola durante la rettifica e prolunga la durata della mola. La ravvivatura riduce le forze esercitate nel procedimento di rettifica tra la mola e lo strumento e di conseguenza riduce anche i tempi di ciclo. A sua volta la produzione degli articoli viene migliorata e ne consegue un aumento dei profitti.
 

Steccatura automatica delle mole


ANCA ha trovato una soluzione automatica che permette la ravvivatura tra un ciclo e l’altro e che può essere usata con una grande varietà di mole, particolarmente per mole CBN a legante resinoide e quelle di diamante. Automatizzando il procedimento di ravvivatura il periodo d’inattività durante la produzione risulta diminuito, permettendo cicli di produzione senza bisogno d’intervento umano poiché la mola è mantenuta nelle condizioni giuste durante la produzione del lotto. Anche la sicurezza dell’operatore risulta aumentata poiché viene eleminata l’interazione umana. Una regolare ravvivatura delle mole riduce il logorio dell’utensile e i danni al materiale, permettendo al tempo stesso anche l’uso di mole scoperte, che riducono le forze richieste per la rettifica e riducono al minimo il carico sul mandrino. Chiaramente ne consegue che si guadagna sulla durata dei cicli poiché migliorano le velocità di avanzamento e significativamente aumenta la durata che ti puoi aspettare dalle tue mole.
 

Il rinomato software di ANCA, noto per la sua flessibilità e facilità d’uso, supporta totalmente il procedimento di ravvivatura, assicurando un uso efficiente con l’eliminazione di quanto meno materiale possibile. Puoi accedere alla steccatura tramite l’operazione ‘Dress Wheel” nel software iGrind di ANCA. Questa operazione ti dà controllo completo su:
 

• Scelta di particolari mole tra tutti i pacchi mole a disposizione sulla macchina
• La frequenza della steccatura
• La specificazione della posizione dell’asse C durante la steccatura
• La profondità della steccatura con tuffo
• Compensazione per l’usura della mola
• Selezione della superficie della mola (fronte, retro o lato)
• Selezione della posizione della mola (alle 3 o alle 9 in senso orario)

 

 

La steccatura usando la pagina del software Toolroom


Nella macchina ANCA la montatura della steccatura automatica è attivata pneumaticamente affinché il supporto dello stick possa scendere su una posizione orizzontale. La posizione di rientro per la montatura dello stick (sulla sella dell’asse Z dietro la testa portapezzo) evita problemi d’interferenza con qualsiasi altro accessorio, come il caricatore, un supporto stabile, ecc. Sulla macchina TX7 ci sono a disposizione due versioni per la steccatura automatica, quella di uso comune dotata di un portautensili doppio che dà la possibilità di usare due bastoncini separati oppure la versione a quattro portautensili.
 

Ravvivatura della mola con rullo a deformazione

 

Mentre la steccatura con bastoncini può mantenere la tua mola affilata e produttiva, in alcuni applicazioni per la produzione non elimina la necessità di una ravvivatura più aggressiva ottenuta con ravvivamole a rullo , che sono usati per ravvivare la mola nella forma e grandezza corretta. L’ANCA TX7+ risponde a questa necessità con un gruppo accessorio consistente di un ravvivamole secondario motorizzato, che offre la possibilità di compiere qualsiasi operazione di ravvivatura di cui hai bisogno, permettendo la ravvivatura automatica in cicli di produzione senza intervento umano. Il gruppo ravvivamole utilizza mandrini HSK a rapido cambio che ti permettono di montare rulli per ravvivare sulla macchina rapidamente e saldamente in meno di 30 secondi. Sia i mandrini sia il gruppo ravvivamole sono dotati di un'incisione di riferimento per accertarsi che i mandrini siano sempre montati nella stessa direzione allo scopo di minimizzare al massimo la scentratura. I mandrini HSK sono disponibili in alberi di diverse grandezze adatte a diversi tipi di rulli ravvivatori secondo i calibri comunemente usati nel settore.
 

Il ravvivamole HSK


Rettifica adattabile

 

Un’altra opzione innovatrice di ANCA è la ‘rettifica adattabile’, che mantiene costanti i carichi sui mandrini aggiustando automaticamente la velocità di avanzamento per ottenere la massima efficienza e ridurre la durata dei cicli. Riduce anche l’usura della mola e migliora la rifinitura della superficie. Il limite di peso sul mandrino viene prefissato e può essere facilmente cambiato dall’operatore.
 

In congiunzione con la ravvivatura con bastoncini e la ravvivatura con rullo del sistema ANCA, ANCA ha creato un arsenale di opzioni per la rigenerazione delle mole che affronta qualsiasi problema di carico e nel processo migliora la durata dei cicli di produzione.
 

Per informazioni più dettagliate in merito a questo articolo, sei pregato di consultare il rappresentante di ANCA nella tua zona.

13 giugno 2011