View cart 0

Dal Canada a oltre: l'azienda familiare Clortech fiorisce con la tecnologia ANCA

Read this in your language
  • 简体中文
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • 日本語
  • 한국어
  • Polski
  • Español

Receive ANCA news direct to your inbox

Rimani aggiornato sugli ultimi suggerimenti e sulla tecnologia

Subscribe

Privacy Policy

Clorindo Mattei ha fondato Clortech nel 1987, dopo aver lasciato un'altra azienda specializzata nella produzione di utensili a Montréal-Nord, in Canada.

L'azienda è cresciuta fino ad avere circa 20 dipendenti, tuttavia ha mantenuto l'entusiasmo per i dettagli di Clorindo, fondatore e presidente, la sua etica del lavoro e il suo orgoglio per ciò che viene creato in officina. Nei 20 sono inclusi la moglie di Clorindo, Carmela, e i figli Emila, Mena Mattei e Patrick Mattei.




"Tutti entrano e danno il 110 per cento. In parte si tratta del fatto che mio padre è arrivato come un immigrato in questo paese con nient'altro che i vestiti addosso", spiega Patrick, vicepresidente della produzione di Clortech.
"Ha lavorato duramente . Quando sei un immigrato in Canada, vieni messo alla prova molto di più rispetto a un locale, e questo solo per riuscire a mettere un piede sulla porta. Gran parte dello spirito che c'è dietro tutto questo, lo si può ritrovare nel prodotto".

L'azienda di famiglia è rimasta nel sito di 1400 metri quadrati in Rue de Castille dal 2003, ma è riuscira a rimanere felicemente al passo con i tempi.

Negli anni '80 e '90, il giro di affari era rivolto al 100% a clienti del settore aerospaziale. Il decennio successivo - con l'11 settembre e la crisi finanziaria - ha mostrato quanto potesse essere capriccioso il settore e questo ha spinto l’acceleratore della diversificazione.
 
Mentre Clortech era impegnata al 100% con il settore aerospaziale, Patrick non era sicuro di voler entrare nel campo della produzione di utensili di precisione. Era stato accettato in un corso di laurea in architettura e, sebbene avesse lavorato part-time nella fabbrica di famiglia dall'età di 14 anni, spiega che "mio padre aveva solo macchine convenzionali. Non che non fossi interessato alle macchine convenzionali. Semplicemente non mi davano molto piacere".

Dopo qualche riflessione, Patrick decise che "sarebbe stato un peccato non cogliere un'opportunità come questa" e ha iniziato a studiare ingegneria meccanica alla Concordia University mentre lavorava part-time alla Clortech. Nello stesso anno, Clorindo intravide un potenziale di ammodernamento per l'azienda con una macchina di seconda generazione e ha investito nella prima macchina CNC di Clortech, una TG7 di ANCA.

"Una volta finita l'università, avevamo ormai tre macchine CNC: una rettificatrice, una fresatrice, un tornio", ricorda.

"Poi, una volta che mi sono laureato, le cose sono andate sempre meglio e abbiamo continuato ad aggiungere macchine. Non siamo mai stati dei grandi spendaccioni, abbiamo sempre seguito un approccio molto cauto e frugale. L'intento era comprare una macchina alla volta, lentamente ma inesorabilmente, andando sempre ad aggiungerne di altre".




Ad oggi l'azienda dispone nella propria officina di due macchine ANCA TG7 Plus, TX7 e TX7 Linear ciascuna, oltre a torni CNC, frese e un assortimento di attrezzature per la lavorazione manuale.

Anche la base dei clienti si è ampliata, con attrezzature per la manutenzione e la riparazione destinate alle forze armate canadesi e punte per gli installatori di traversine ferroviarie, nonché gli utensili per la clientela tradizionale, come Pratt & Whitney.

La diversificazione è riuscita ad arginare il periodo del COVID-19, che non è stato per niente gentile con gli operatori aerei e altri.

"Il rallentamento nel settore aerospaziale è stato assorbito dall'aumento delle merci spedite su rotaia", afferma Patrick.

L'aviazione resta comunque un settore importante per Clortech. Parte delle sue offerte, oltre ai kit MRO (Maintenance, Repair and Operations), alla produzione di utensili e allo sviluppo di utensili a contratto, include il servizio di 911 per AOG , un servizio di produzione e riparazione di utensili di rapida risposta.

"L'aerospazio non riguarda solo utensili complessi, ma spesso anche l'urgenza di tali utensili. Molte volte riceviamo richieste di aeromobili a terra, a Montreal o in tutto il mondo", afferma Patrick.
 
"Questi velivoli devono volare, quindi veniamo chiamati con la richiesta di realizzare un utensile entro il solo tempo di produzione, ovvero entro la giornata, un paio d'ore o entro il giorno successivo. Può essere un utensile semplice o un utensile complesso, ad ogni modo dobbiamo metterci all'opera e realizzarlo nel più breve tempo possibile facendolo bene al primo tentativo". 




In merito alla domanda su investimenti in soluzioni di automazione di alto livello e di operatività senza presidio, Patrick afferma che l'ampliamento dell'azienda non è la priorità, ma piuttosto l'attenzione è posta sullo svolgere il miglior lavoro possibile ed essere competitivi sui piccoli volumi.

"Il software di cui dispone ANCA ci consente di programmare la macchina in modo efficiente in termini di tempo quando si producono componenti dal volume basso. Dispone di una procedura guidata di facile utilizzo, praticamente un semplice plug and play", spiega.

"Quando abbiamo ricevuto la nostra prima macchina, l'avevano progettata con un simulatore che ci consentiva di vedere l'utensile in una visualizzazione 2D. All'epoca era qualcosa di fantastico, per quello che era lo stato dell'arte. Ma ora, grazie alla possibilità di vedere il software che ci consente di eseguire i rendering 3D di un utensile prima di prendere effettivamente quel programma e trasferirlo in una macchina, è possibile davvero eseguire la rettifica di una parte solo virtualmente, offline, risparmiando così molto tempo sulla macchina.

"Quando si eseguono volumi come i nostri, non facciamo 4 milioni di componenti, ma neanche mille o 200, quando si fanno tre frese a codolo o due punte, è necessario farle velocemente. Il software ci consente di farlo, ed è questo che ci ha attratto del prodotto all'inizio".




Xiaoyu Wang, Product Manager della Piattaforma TX di ANCA, ha dichiarato: "ANCA è il primo produttore di utensili e rettificatrici ad applicare la progettazione avanzata assistita da computer nel settore degli utensili da taglio. Il motore analitico di CIMulator3D simula il processo di rimozione del materiale spostando con precisione i modelli della mola di rettifica per il taglio del pezzo grezzo. Consente ai progettisti di utensili di analizzare la geometria dell'utensile e agli operatori di ottimizzare il processo di rettifica".

"Gli ultimi sviluppi, come il grafico MRR, hanno ulteriormente migliorato le capacità del CIMulator3D. È diventato uno strumento analitico che offre maggiori informazioni sul processo di rettifica. Penso che i clienti orientati al settore tecnologico come Clortech saranno in grado di realizzare il loro pieno potenziale", ha concluso.



 
Patrick afferma che Clortech potrebbe presto investire in un'altra macchina CNC di ANCA, ma è in attesa di vedere come l'economia verrà influenzata dall'invasione russa dell'Ucraina.

L'importante è continuare a gestire un'azienda di famiglia, basata sull'orgoglio e sulla passione più che sul ricercare la crescita a tutti i costi. Patrick fa notare che sia lui che le sue sorelle hanno un'istruzione universitaria e alcuni di loro hanno lasciato il lavoro presso delle multinazionali per tornare all'azienda di famiglia con salari ridotti.

Inoltre afferma che "Il fatto è che possiamo realizzare un prodotto, dare il 110% e renderlo migliore di chiunque altro. Si potrebbe dire molto sull'orgoglio dietro il nome e il prodotto rispetto al compenso economico".

"Nessuno dice della Ferrari: «Quanti soldi hanno fatto quest'anno?» Si dice solo: «guarda che macchina, è una bellezza». In realtà, un grosso stimolo arriva dai clienti, che ci chiamano dicendo quanto amano le prestazioni degli utensili. Praticamente è questo orgoglio che ci da forza".
 
 

7 aprile 2022